Autobomba: strage davanti al Parlamento

da Baidoa

Undici morti e molti feriti: questo il bilancio di un attentato che ha scosso Baidoa, la città somala che ospita il Parlamento ad interim dove aveva appena finito di parlare il presidente Abdullah Yusuf Ahmed. Secondo le autorità l’attentato era diretto proprio contro il presidente, uscito indenne dall’attacco in cui è morto uno dei suoi fratelli. Sulla dinamica dell’attentato ci sono versioni diverse, ma secondo la più accreditata un’autobomba è esplosa azionata da un comando a distanza. Immediata la condanna da parte delle corti islamiche che controllano ormai gran parte del Paese di fronte a un governo di transizione sempre più debole. Secondo il ministro degli Esteri, l’attentato porta il marchio di al Qaida e i responsabili sarebbero gli stessi dell’omicidio di suor Leonella Sgorbati.