Autobombe di Londra e Glasgow: sono due i medici fermati in Australia

Uno di loro Mohamed Hanif, 27 anni, è indiano e ha un visto temporaneo. Preso ieri sera nell’aeroporto di Brisbane. <strong><a href="/a.pic1?ID=190026">Sgominata la cellula dei medici di Al Qaida</a></strong>. Negli scali inglesi code e caos: <strong><a href="/a.pic1?ID=190027">vietata la sosta ai taxi</a></strong>

Canberra - Due medici provenienti da Liverpool, che lavoravano in Australia con un visto temporaneo, sono sotto interrogatorio della polizia in relazione ai falliti attentati dello scorso weekend in Gran Bretagna. Il primo, in stato di arresto, è il cittadino indiano Mohamed Hanif, di 27 anni, catturato ieri sera nell’aeroporto internazionale di Brisbane mentre cercava di salire a bordo di un volo non precisato, munito di biglietto di sola andata. Secondo una radio locale, tentava di salire su un aereo diretto a Kuala Lumpur, in Malaysia, con l’intenzione di prendere un volo diretto in India, ma il dettaglio non è stato confermato.

Un altro medico, anch’egli non cittadino australiano, è stato successivamente fermato ed è sotto interrogatorio della polizia, ma non è in stato di arresto e non vi sono particolari sulla sua identità. Secondo la polizia, non vi è nulla che lo leghi ad attività terroristiche in Gran Bretagna, ma la sua identità è emersa dall’interrogatorio dell’uomo arrestato. A quanto ha appreso la radio australiana Abc, l’arresto di Hanif è stato disposto in seguito a una telefonata fatta fra Gran Bretagna ed Australia. Gli investigatori britannici hanno fatto largo uso dei cellulari trovati nelle autobomba a Londra, e secondo l’emittente un sospetto arrestato in Gran Bretagna aveva avuto una conversazione telefonica con Hanif, un dettaglio successivamente confermato da fonti di polizia.

Perquisizioni L’arresto è stato eseguito da agenti di una task force antiterrorismo che agivano su informazioni ricevute dalle autorità britanniche. Sono stati eseguiti anche diversi mandati di perquisizione e sequestrato materiale, nell’ospedale di Southport dove il medico lavorava, ed altrove nella regione della Gold Coast. Il premier del Queensland Peter Beattie ha assicurato che Hanif aveva ottime referenze. «Era considerato in ospedale un cittadino modello, non vi sono state mai questioni sulla sua abilità di medico», ha detto. Il premier australiano John Howard, che oggi ha rivelato l’identità dell’arrestato in una conferenza stampa, ha assicurato che non vi sono informazioni che giustifichino una variazione in Australia dell’attuale livello ’mediò di allerta terrorismo, il secondo su una scala di quattro e lo stesso in vigore sin dagli attentati dell’11 settembre 2001 in Usa. La polizia del Queensland ha tuttavia rafforzato le misure di sicurezza attorno alla riunione che inizia giovedì a Cairns, in nord Queensland, fra i ministri del commercio dell’Apec, il forum di cooperazione Asia Pacifico.

Allarme alla metro di Londra Non si è ancora spento l'allarme terrorismo nella capitale britannica. Questa mattina la polizia inglese ha fatto esplodere un pacco sospetto abbandonato nei pressi della stazione metropolitana di Hammersmith a Londra. Pare che il contenitore non contenesse materiale esplosivo.