Autobus d’epoca in Valle Stura

Dai funghi ai vini, dal miele ai salumi, dai formaggi ai frutti di bosco, fino ai vari tipi di olio. È veramente ricco il "menù" della tredicesima edizione dell'Expo Valle Stura, la fiera campionaria allestita nel Comune di Rossiglione da oltre 60 espositori delle Valli Stura e Orba, in programma questo week end (a partire da oggi) e quello successivo (22, 23, 24 settembre), col patrocinio della Provincia e della Camera di Commercio di Genova. Se Giove Pluvio non farà i capricci, e concederà una piccola tregua, tra Masone a Rossiglione sono attesi almeno 30 mila visitatori, a confermare il trend positivo degli ultimi anni.
«Ma ci siamo attrezzati anche in caso di pioggia», promette, facendo i debiti scongiuri, il presidente Expo Domenico Guida. La maggior parte degli stand, infatti, è al coperto, all'interno di un'area di 1.800 metri quadrati. L'obiettivo dell'edizione numero 13 è quello di valorizzare i prodotti tipici locali, proponendo al visitatore una ricca gamma di offerte, non solo eno - gastronomiche. Verranno presentate, infatti, anche le produzioni dell'artigianato locale, della filigrana, del legno, del vetro e della ceramica. Senza trascurare le attività di contorno e le iniziative collaterali, "spalmate" nei due fine - settimana: mostre di pittura e scultura, rassegne fotografiche sul trasporto pubblico in Valle Stura, spettacoli, concerti di musica jazz e tanto altro ancora. Tra gli appuntamenti da non perdere, il raduno di autobus d'epoca, previsto domenica 17 con partenza da Masone alle 11.00. I visitatori dell'Expo avranno la possibilità di salire su alcune corriere d'epoca, partecipando gratuitamente ai giri turistici, dal parco del Beigua, alla mostra nazionale della Filigrana di Campoligure. Durante i giorni di apertura della fiera, sono in programma anche visite turistiche organizzate alle aziende agricole, alla Badia di Tiglieto e al museo "Passatempo" di Rossiglione. E ancora: corsi di decoupage, mostre di ceramiche d'arte, canti di montagna e bande cittadine. Il sabato e la domenica ritorna il calssico appuntamento con la colazione all'Expo. Oltre al latte saranno offerte le focacce tipiche della zona: la revezora e la focaccia lunga. «Con le provincie di Pavia, Alessandria e Piacenza - rivela Arnaldo Monteverde, assessore al Turismo della Provincia di Genova - stiamo studiando alcune forme di collaborazione tra soggetti espositori, per portare le fiere campionarie anche al di fuori dei confini provinciali». Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero.