Autogrill, offerta in contanti per l’inglese Alpha Airports

Il cda britannico ha già approvato l’Opa Operazione da 285 milioni

da Milano

La «battaglia d’Inghilterra» per Autogrill è già praticamente vinta: il gruppo si prepara a lanciare l’Opa in contanti da 110 pence su Alpha Airports, avendo già incassato l’approvazione da parte dei vertici del leader britannico nella ristorazione aeroportuale.
L’offerta avrà quindi per Autogrill - che ha già acquisito il 42,7% del capitale di Alpha, con un’ulteriore opzione per il 9,1% - un costo totale di 193,6 milioni di sterline (circa 285 milioni di euro), che sarà sostenuto - spiega la società che fa capo alla famiglia Benetton in una nota - tramite ricorso a linee di credito disponibili.
Un prezzo non eccessivo, considerato che Alpha Airports fattura oltre 820 milioni di euro, che la società di Rozzano può tranquillamente sostenere per realizzare l’obiettivo a cui punta da tempo: entrare nel ricco e strategico mercato britannico della ristorazione e del retail aeroportuale e in quello della ristorazione a bordo degli aerei.
Nei prossimi giorni è prevista la presentazione dell’operazione agli analisti, l’acquisizione della quota del 9,1% ancora in mano a Servair (controllata di Air France) e la pubblicazione del prospetto. Appare scontata l’adesione all’Opa dei fondi e degli investitori azionisti della società, tanto più che lo stesso consiglio d’amministrazione di Alpha ha raccomandato all’unanimità di accettare l’offerta italiana. Gli amministratori hanno tenuto conto, oltre che del prezzo definito «congruo e ragionevole», anche delle «considerazioni commerciali» e della prospettiva di entrare a far parte di un gruppo multinazionale ormai fra i primi nel mondo. Gli investitori potranno così portarsi a casa un premio del 58,3% rispetto al prezzo di 69,5 pence segnato il 29 maggio, ultima giornata borsistica prima dell’annuncio di valutare l’operazione da parte di Autogrill. L’obiettivo finale dell’Opa è quello di ritirare la società dal listino della Borsa di Londra.
Autogrill, come ha già fatto in occasione delle precedenti acquisizioni come quella di Aldeasa, non sconvolgerà la struttura dirigenziale di Alpha. L’amministratore delegato Gianmario Tondato Da Ruos infatti vuole «cominciare subito a lavorare insieme al management di Alpha per accelerare ulteriormente la crescita dei nostri due business».
A Piazza Affari intanto Autogrill ha ceduto l’1,07% a 14,86 euro.