Autogrill, salgono i ricavi e il titolo

Acquisito l’appalto dello scalo di Firenze con MyChef

da Milano

Autogrill è stata ieri al centro dell’attenzione e degli scambi di Borsa, dove ha chiuso in rialzo del 2,13% a 12,15 euro. La Borsa ha apprezzato la comunicazione, da parte della società, dei dati preliminari del 2005 che hanno visto i ricavi consolidati salire del 10,9%. Esiste inoltre una certa attenzione per l’avvicinarsi della chiusura della data room per la conquista dell’inglese Ssp, la divisione di catering del gruppo Compass. E sempre ieri la società guidata da Gianmario Tondato si è aggiudicata uno dei due lotti (l’altro è andato a MyChef, gruppo Chefitalia) del servizio di ristorazione dell’aeroporto di Firenze.
Riguardo Ssp i conti sono sempre sotto analisi da parte di Ubs, ed entro l’8 febbraio, Autogrill dovrà fare un’offerta vincolante. Alla fine dell’anno scorso aveva messo sul piatto una cifra vicina al miliardo di sterline. Tre le aree principali del gruppo inglese: il business autostradale, che vale un terzo del fatturato, e che è permanente e legato alla proprietà immobiliare delle stazioni di servizio. Il business ferroviario, che vale un altro terzo, dalle caratteristiche anch’esse piuttosto stabili. E infine l’ultimo terzo, più flessibile, che è quello aeroportuale. Si tratta complessivamente di circa 1,2 miliardi di sterline, per il 60% in Inghilterra, dalla caratteristiche perfettamente complementari a quelle di Autogrill. La cui acquisizione il mercato sembra apprezzare. Tanto più che per il gruppo italiano non sarebbe necessario alcun aumento di capitale, ma il semplice ricorso a un maggior indebitamento. Pratica della quale si sta occupando in questi giorni Lazard.
I risultati definitivi della società controllata dal gruppo Benetton tramite Edizione Holding saranno presentati il 16 marzo, ma già i dati preliminari, esaminati ieri dal cda, mostrano che sull’aumento dei ricavi consolidati pesa soprattutto il Nord America, dove il fatturato è cresciuto del 7,9%, toccando quota 2.163 milioni di dollari. I ricavi della spagnola Aldeasa, consolidata al 50% dal primo maggio (il restante 50% è di Altadis), si sono attestati a 236,6 milioni. In Italia «iniziative commerciali mirate» - afferma la nota del cda - hanno consentito di contenere all’1,6% la flessione dei ricavi nell’esercizio 2005, che si è chiuso a 1.040 milioni rispetto ai 1.053 milioni del 2004. Su base comparabile invece i ricavi hanno registrato una crescita del 2,6%. Nel 2005 i ricavi consolidati del gruppo Autogrill hanno raggiunto i 3.529,1 milioni. I risultati mettono inoltre in evidenza l’incidenza sempre maggiore del canale aeroportuale a confronto di quello autostradale, rispettivamente pari al 47% e al 45% del fatturato consolidato.
E in questa tendenza si inserisce anche l’«operazione Firenze», che produrrà incassi complessivi per 18 milioni in 5 anni. Autogrill dovrà però dividerli con l’agguerrita concorrente MyChef