Autostrade Catricalà: «Dopo la Ue adeguamenti uguali per tutti»

Alla luce delle indicazioni arrivate dall'Unione europea, il sistema di adeguamento delle tariffe autostradali deve essere lo stesso per tutti. Ad affermarlo il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, durante un'audizione alla Camera sulle tariffe autostradali. «Una volta approvata per legge la convenzione con Aspi, sarebbe contrario alle indicazioni della Commissione adottare diverse formule determinative della tariffazione autostradale per gli altri concessionari», ha sottolineato Catricalà.

Per il presidente Antitrust si tratta ora di una strada obbligata: Catricalà ha infatti ricordato che a suo tempo aveva messo in guardia dal «pericolo» insito nell’approvazione per legge della convenzione con Aspi perché si sarebbe creato un precedente. Il presidente dell'Antitrust ha inoltre confermato «il proprio orientamento contrario ad adeguamenti tariffari che non tengano conto dei recuperi di efficienza e che siano connessi a meccanismi totalmente automatici» e la «propria contrarietà all'utilizzazione dello strumento legislativo. Dai concessionari autostradali serve «una maggiore attenzione agli investimenti» e da parte degli organi preposti «un controllo severo».