Autostrade con servizi da terzo mondo

Bagni fatiscenti e sporchi, pannelli luminosi che distraggono invece di informare, piazzali e aree di servizio rifugio di tossicodipendenti, scambisti e 'guardonì: è questo il quadro presentato dal Codacons Liguria, che nel fine settimana, in collaborazione con l'Anas, ha monitorato le autostrade della regione.
«Punto dolente - dicono al Codacons - sono i bagni, spesso sporchi, non funzionanti o fatiscenti. Inoltre esistono aree di parcheggio non custodite, in particolare Caravaggio e Rupanego, dove sono stati segnalati 'episodi spiacevoli e dove si rischiano incontri sgradevolì».
Il Codacons consiglia l'installazione di alcune torri-faro, così da illuminare i posteggi e inibire gli attuali frequentatori.
L'associazione che difende gli interessi dei consumatori ha anche puntato il dito sui pannelli luminosi, che invece che fornire informazioni utili ai conducenti, spesso verrebbero utilizzati per publicizzare prodotti come il telepass: «Noi abbiamo chiesto al ministero dei Trasporti di fare sperimentare anche in Liguria i pannelli luminosi che indicano la velocità istantanea dei veicoli, ma ci hanno risposto che distraggono e sono pericolosi. Non si comprende dunque come mai i pannelli a messaggio variabile con pubblicità o numeri di telefono siano innocui per l'automobilista» .
Nel corso della conferenza stampa Antonio Porta, responsabile Anas in Liguria, ha anche diffuso i dati relativi al traffico nel fine settimana, che sarebbe dovuto essere quello dell'esodo di rientro dalla vacanze estive. Secondo i dati raccolti sulle autostrade liguri c'è stata invece una media del 9% di traffico in meno rispetto allo scorso anno.