Autostrade, sicurezza come priorità

L’ad Castellucci: «Ridotto del 70% il tasso di mortalità»

Sulle strade è iniziato il periodo caldo. E non solo da un punto di vista meteorologico: fino al 7 settembre saranno 120 milioni i veicoli in transito sulla rete gestita da Autostrade per l’Italia, per una percorrenza totale superiore agli otto miliardi di chilometri.
Numeri da esodo, che si ripetono puntualmente a ogni estate, e ai quali ancora una volta il gruppo risponde con un massiccio piano d’azione, ribadendo un impegno che ha già prodotto risultati di tutto rispetto: «Grazie ai miglioramenti dell’infrastruttura e alle iniziative per la responsabilizzazione degli automobilisti - spiega Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Autostrade per l’Italia - dal 1999 a oggi abbiamo ridotto del 70% il tasso di mortalità sulla nostra rete, superando con due anni d’anticipo l’obiettivo fissato dall’Unione europea».
Tra gli interventi più significativi di questi anni, merita una citazione la copertura di asfalto drenante, passata dal 16 al 79% della rete. Sul fronte della sensibilizzazione di chi guida, invece, riflettori puntati sul decalogo «Viaggiare sicuri in autostrada», distribuito in un milione di copie presso i Punti Blu, e sulla nuova campagna «Piccoli viaggiatori, sicurezza da grandi», promossa in collaborazione con Bebè Confort e Moige: in 24 aree di servizio, sono a disposizione materiali informativi sul corretto uso dei seggiolini auto per bambini, oltre a buoni sconto per il loro acquisto. E settimane di superlavoro si annunciano anche per il Tutor, il sistema di controllo della velocità attualmente in funzione su 1.533 chilometri di rete.
«Entro la fine dell’anno - anticipa Castellucci - altri 500 chilometri saranno coperti da questo strumento, che nei tratti in cui è attivo ha pressoché dimezzato la mortalità». A garantire la fluidità del traffico, invece, contribuirà la diffusione di sei milioni di calendari con le previsioni di circolazione (meglio non partire nelle giornate da «bollino nero», come il 2 e il 9 agosto) e la presenza sulle strade delle vacanze di appena nove cantieri, contro i 140 medi giornalieri del resto dell’anno. Ulteriormente potenziata, per il periodo estivo, anche l’attività d’informazione e assistenza ai viaggiatori, che vedrà schierati sulla rete 6mila addetti, 2mila telecamere, 900 pannelli a messaggio variabile e contact point per notizie in tempo reale sulla viabilità.
E nonostante l’impegno di questi giorni, in casa Autostrade per l’Italia c'è spazio anche per le celebrazioni: quelle per il diciottesimo compleanno del Telepass. Introdotto nel 1990, ha conquistato 6,1 milioni di automobilisti e, proprio nell’anno della «maggiore età», è diventato il sistema di pagamento del pedaggio più diffuso nel nostro Paese: viene usato nel 54% dei transiti al casello.