Autunno, è tempo di ciclocross A Le Bandie la Coppa del Mondo

Parteciperanno i migliori specialisti: juniores, donne, under 23, élite

Una stagione dopo l’altra, il grande ciclismo srotola il suo calendario senza che l’ entusiasmo del popolo su due ruote venga meno. Non è ancora spenta l’eco dei trionfi di Bettini, del dramma di Basso e dei successi di pubblico delle maggiori granfondo nazionali, ed ecco che esplode la stagione del ciclocross, sport puro per ciclisti forti, impastati di coraggio e determinazione, corso nei prati e nel fango. Una specialità che nel Nord Europa è nel cuore dei tifosi e che patron Remo Mosole, l’amico del ciclismo per eccellenza, ha fatto propria: il suo nuovo, grande progetto iridato, finalizzato all’organizzazione dei Mondiali di Ciclocross 2008, decolla in fatti con il test-event, rappresentato dalla prova di Coppa del Mondo, che viene disputata in una data molto particolare, sabato 4 novembre 2006, a Spresiano di Treviso nel centro “Lago Le Bandie“.
Data particolare perché tornando indietro di quarant’anni, fermando il calendario al 4 novembre 1966, si ricordano le tragiche alluvioni che colpirono l’Italia, quella di Firenze ma anche quella del Piave. E’ dunque doppiamente significativo, dato il profondo legame della famiglia Mosole con il fiume sacro, che la manifestazione coincida proprio con il quarantennale di un evento così drammatico che merita di essere ricordato con una grande giornata di sport. La prova di Coppa del Mondo (che verrà presentata alla stampa il prossimo 31 ottobre presso l’Agenzia del Consorzio Marca Treviso, alle ore 11) ricorderà dunque l’alluvione e le sue vittime, ed in particolare Gino Barzi, alla cui memoria verrà coniata una medaglia d’oro destinata all’atleta miglior classificato nella gara della categoria “Élite”. Gino Barzi morì nel giorno dell’alluvione, sacrificando la propria vita per salvare quelle altrui. A consegnare la medaglia sarà suo figlio, Ettore Renato Barzi, grande amico del ciclismo e della famiglia Mosole.
Fervono dunque i preparativi per questa grande manifestazione al “Lago le Bandie” di Spresiano, per la quale si prevede un’affluenza di numerose migliaia di sportivi (ingresso gratuito). In questi giorni l’Unione Ciclistica Internazionale sta mettendo a punto le procedure di iscrizioni, ma è scontata una partecipazione qualificata e massiccia in tutte e quattro le categorie (élite, under 23, donne e juniores). La prova di Coppa del Mondo di Treviso verrà trasmessa da Raisport nel pomeriggio sportivo di RaiTre.
Treviso è sinonimo di ciclismo e di campionati del mondo: due ne ha già ospitati per le specialità su strada (1985 e 1999). Il terzo è in preparazione e riguarda appunto il ciclocross: si svolgerà, come noto, il 26 e 27 gennaio 2008 nello spettacolare percorso intorno al “Lago le Bandie“, un piccolo paradiso terrestre che Remo Mosole ha creato attraverso una straordinaria opera di recupero ambientale di una cava di estrazione sita a Spresiano, alle porte del capoluogo della Marca. La Coppa del Mondo diventa dunque un vero e proprio test-event: sarà una gara di livello assoluto, con tutti i migliori specialisti mondiali, ed un collaudo organizzativo in vista della rassegna del 2008. Tuttavia Bandie Eventi (la società che organizza e gestisce le attività e gli eventi all'interno del Centro Sportivo) ha voluto fare le cose in grande prevedendo la disputa di tutte e quattro le prove di categoria (juniores, donne, under 23, élite) così da realizzare una manifestazione di grande interesse. Intelligente la scelta del sabato per una manifestazione (ingresso gratuito) destinata a richiamare migliaia di sportivi. Lo spettacolo sarà già fin da ora degno di un campionato del mondo: attrezzature e allestimenti saranno realizzati per offrire un colpo d'occhio davvero molto suggestivo.