«Avati meglio dello psicanalista»

«Non c’è distinzione tra la mia vita personale e quella professionale. Il mio mestiere, è la mia vita!». Lo dice l’attrice e produttrice Francesca Neri in un’intervista al settimanale Tu oggi in edicola. Con il film di Pupi Avati «Il papà di Giovanna» in concorso alla 65ª Mostra del Cinema di Venezia, la Neri ha riscoperto se stessa e la sua professione. «Dopo tanti anni di analisi - aggiunge - è arrivato Pupi e mi ha risolto i problemi».