«Avete la nostra piena approvazione»

Dal Vaticano, 24 febbraio 1943

Al nostro venerabile fratello Clemens August von Galen, vescovo di Münster.

(...) Ti ringraziamo per i due allegati, la lettera pastorale del 22 marzo 1942, della quale è stata data lettura, quasi all’unisono, nella Germania occidentale e in Baviera, e la lettera pastorale per l’Avvento. Ambedue gli appelli incontrano la nostra piena approvazione, perché con tanto coraggio difendono i diritti della Chiesa, della famiglia e di ogni singola persona. Raramente nella moderna storia della Chiesa, forse mai come oggi, si è manifestata in modo così tangibile l’unità di destino tra la dignità umana, la famiglia e la Chiesa. È per noi una consolazione ogni volta che veniamo a conoscenza di una parola chiara e coraggiosa da parte di un singolo vescovo tedesco o dell’episcopato tedesco. Una riflessione lungimirante vi persuaderà del fatto che con i vostri interventi risoluti e coraggiosi a favore della verità e del diritto e contro l’asprezza e l’ingiustizia voi non recate danno alla reputazione del vostro popolo all’estero, ma gli siete in realtà di giovamento, anche se altri, forse solo per un istante, misconoscendo in modo deplorevole lo stato dei fatti, vi accusassero del contrario. Tu, venerabile fratello, sei tra l’altro l’ultimo al quale noi abbiamo espressamente bisogno di accennare questo. Le due lettere pastorali che hai voluto inviarci hanno per così dire preparato da voi il terreno al nostro Messaggio natalizio del 24 dicembre 1942 (...).