Avventura nella miniera di Monteneve: minatori per un giorno tra pozzi e gallerie

Bolzano Paesaggi incontaminati, boschi rigogliosi attraversati da ruscelli, rifugi raggiungibili solo a piedi. Lasciare la macchina a casa per incontrare la natura diventa istintivo quando la meta prescelta è uno dei gioielli delle "Perle Alpine" (www.alpine-pearls.com), associazione che raccoglie 21 splendide località alpine incastonate tra le montagne di Italia, Francia, Germania, Austria, Svizzera e Slovenia che offrono la possibilità di una vacanza senz'auto senza dimenticare di garantire la completa mobilità a zero impatto ambientale. Scegliendo la mobilità dolce, con spostamenti agevolati senza l'uso dell'auto, si potrà andare alla scoperta delle meraviglie di Racines, in Val Ridanna, lasciandosi coinvolgere nella meravigliosa avventura di una giornata da minatore, oppure scoprire la cucina antica delle montagne di Funes. Avventurarsi tra gallerie e pozzi, percorrere strettoie e crepacci, estrarre minerali. Muniti di stivali, tuta e casco con torcia si diventa minatori per un giorno tra la Val Ridanna e la Val Passiria. Dove? A Racines, nella Miniera di Monteneve, una delle più alte d'Europa, che nel cuore delle Alpi si estende tra i 2.000 e i 2.650 metri. Qui, per circa un millennio, fino al 1985, i minatori hanno estratto argento, piombo, zinco in condizioni lavorative e climatiche estreme. I minerali venivano trasportati attraverso le due valli fino a Vipiteno per una gigantesca rete di sentieri, poi sostituita da teleferiche. Oggi, seguendo il percorso didattico, è possibile ammirare il più lungo impianto a cielo aperto del mondo per il trasporto su rotaia. Durante i tour guidati i visitatori si immergono nella dura giornata dei minatori: partendo dalla galleria Poschhaus, a 2.000 metri, viaggiano a bordo del vecchio trenino della miniera percorrendo un tunnel di tre km e mezzo attraverso gallerie e corsi d'acqua, poi muniti di mazzetta si cimentano nell'estrazione dei minerali da vene tutt'oggi esistenti. E' previsto anche un percorso dedicato ai bambini e ai ragazzi, che potranno imparare tutto sui tesori nascosti del sottosuolo in modo insolito e divertente. Fino al 26 giugno è possibile approfittare dell'offerta "Settimana delle Perle in mobilità dolce": 7 pernottamenti in camera doppia in hotel con trattamento mezza pensione da 320 euro a persona. La formula include il trasferimento dalla stazione più vicina, la possibilità di usufruire del trekking-shuttle delle Perle, un paio di bastoncini delle Perle per le escursioni e la Tourcard 5su7, una vantaggiosissima carta ospiti che dà libero accesso ai principali tour della regione (tra cui la visita alla Miniera) e comprende una serie di offerte su funivie, musei, trasporti pubblici e attività sportive (per es. bici o mountain-bike gratis per 1 giorno nei noleggi convenzionati). Info: www.alpine-pearls.com