Gli avvocati contro il Csm

Roma. Gli avvocati protestano con il Csm. L’Organismo unitario dell’avvocatura ieri ha contestato «l’illegittima ed inaccettabile interpretazione del Consiglio superiore della magistratura della nuova norma sulle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario» e «si riserva di impugnare» la circolare con cui il Consiglio è intervenuto in materia. «La circolare del Csm - dicono gli avvocati - stravolge completamente il senso della riforma dell’ordinamento giudiziario nella parte relativa alla partecipazione dei soggetti della giurisdizione alle cerimonie inaugurali». Per il presidente dell’associazione, Michelina Grillo, «il legislatore ha inteso ampliare gli interventi dei rappresentanti della avvocatura e non certamente limitarli ai soli presidenti del Consiglio nazionale forense e dei Consigli degli Ordini territoriali. «La rappresentanza politica dell’avvocatura non può accettare - ha concluso Grillo - di vedere indebitamente limitato il proprio intervento e quelli dei rappresentanti delle associazioni forensi»