Gli azionisti contestano i vertici in assemblea per l’uscita dalla Borsa

Nuove difficoltà per Banca Italease sono emerse nel corso dell’assemblea di bilancio che si è tenuta ieri a Milano. La criticità della gestione 2008 è stata determinata dalle difficoltà emerse per le posizioni «non performing» costituite da crediti nei confronti di immobiliaristi, indicati in Coppola, Zunino ed Aedes. Per oltre sei ore i soci presenti hanno contestato l’azione del Consiglio e critiche sono state rivolte anche nei confronti delle banche, maggiori azioniste di Italease, che hanno deciso di lanciare un’Opa totalitaria sulle azioni ancora in circolazione, il che consentirà l’uscita del titolo dai listini di Borsa. Alla fine il bilancio approvato presenta una perdita complessiva di 1.094 milioni.