Le azzurre piegano la Cina. E Federer ritrova Nadal

da Castellaneta Marina

Stupende le azzurre in Federation Cup! Al termine della prima giornata che si gioca a Castellaneta Marina contro la Cina l’Italia conduce 2-0. Un viaggio all’inferno e ritorno!... Tathiana Garbin è stata la prima a scendere in campo contro Sun Tian Tian, la loro n°2. L’incontro, disputato con il cuore, si è concluso 6-4, 2-6, 6-3. È stata una battaglia vissuta tra mille emozioni. Una partita che avrebbe potuto risolversi con la vittoria della cinese. Un rischio gravissimo da correre perchè nel secondo incontro Flavia Pennetta ha subito un bruciante 6-0, seguito da un drammatico vantaggio della Peng Shuai che si è portata in testa per 5 giochi a 3 nel secondo set. Ceduto il servizio, sul 5-4 la cinese si è trovata con 3 match points a disposizione. Flavia infatti ha servito sullo 0-40, recuperando con quella che i giornalisti amano definire una impennata d’orgoglio. Eroicamente, l’azzurra è rientrata in partita mettendo a segno una rimonta storica, che si è conclusa nel terzo set con il ritiro per crampi e conseguente stiramento alla coscia di Peng Shuai.
Lasciatemi dire che i maschi di coppa Davis dovrebbero prendere esempio dalla signore della Fed Cup, atlete che prima di arrendersi sono capaci di soffrire fino alla morte. Il vantaggio conquistato nella prima giornata è importantissimo. Le nostre prossime avversarie con ogni probabilità saranno le francesi che a Limoges conducono per 2-0 contro il Giappone. Semifinale che giocheremmo in casa. Oggi: ore 11 Garbin contro Peng Shuai (che potrà essere sostituita), Pennetta contro Sun Tian Tian, seguiti dal doppio.
Oggi Montecarlo, invece, metterà in scena la finale da sogno, l’eterna sfida tra Federer e Nadal. Si tratta della prima volta che i due più forti giocatori del mondo si incontrano nel 2007. E’ il duello più atteso, la conclusone perfetta per un torneo di grande prestigio e tradizione, in causa con l’Atp, che intende declassarlo. Amburgo e Montecarlo sono le due prove del Master Series che dovrebbero scomparire dal calendario 2008, in favore di Madrid. Una vicenda complicata in attesa di giudizio. La campagna di Roger Federer sulla terra battuta ricomincia. A Montecarlo, dopo la partita di primo turno vinta contro Seppi per 7-6,7-6, Federer ha lodato il tennis del nostro giocatore ma ha spiegato di non sentirsi ancora in forma: «L’ultimo match sulla terra l’ho giocato 10 mesi fa». Il campione svizzero, come accadde lo scorso anno, per prepararsi adeguatamente alla superficie ha previsto un lungo soggiorno destinato agli allenamenti sulla terra battuta di Roma.