Azzurri genovesi a congresso Gli iscritti discutono e votano

Al Teatro della gioventù si svolgono l’assemblea metropolitana e quella provinciale di Forza Italia

Fine settimana di Forza Italia in Liguria all’insegna dei congressi: il «metropolitano» di Genova si svolge fra oggi e domani, il «provinciale» nell’intera giornata domenicale. Particolarmente ampio e vivace il dibattito che si annuncia all’assemblea cittadina che - come ribadisce il commissario metropolitano Roberto Cassinelli, accreditato per la riconferma - vuole essere «un congresso vero, costruttivo, aperto al confronto, ma soprattutto occasione di forte rilancio della proposta politica del partito azzurro». I lavori per la scelta del coordinatore, dei membri del coordinamento e del comitato si tengono al Teatro della Gioventù di via Cesarea: esordio alle 10 col saluto del coordinatore regionale Michele Scandroglio. Sono previsti poi gli interventi del presidente del Copaco, Claudio Scajola, e dello stesso Cassinelli.
Di seguito, fra gli altri, gli interventi di don Gianni Baget Bozzo, responsabile nazionale formazione, Alfredo Biondi, presidente del Consiglio nazionale, e Luigi Grillo, capogruppo di Forza Italia nella commissione Lavori pubblici del Senato. Microfono aperto, infine, per chiunque voglia iscriversi a parlare, a tempi ovviamente contingentati per consentire la massima articolazione delle voci. Il seggio elettorale sarà aperto, senza sosta, oggi dalle 12 alle 22 e domani dalle 10 alle 12. Secondo il regolamento avranno diritto di voto tutti i soci in regola con l’adesione 2006 che abbiano compiuto il diciottesimo anno d’età.
Anche il congresso provinciale di domani - il primo a livello nazionale fra gli iscritti al partito azzurro - sarà ospitato al Teatro della gioventù: 214 i delegati nominati dai 34 comitati comunali della provincia di Genova che voteranno al termine della serie di interventi. Coordinatore uscente e candidato a succedere a se stesso, l’ingegner Giovanni Boitano, eletto nel 2002 dopo i cinque anni di incarico a Gabriella Mondello. «Crediamo fermamente - ribadisce Boitano - in un partito propositivo, dinamico e organizzato, che operi da stimolo continuo per l’attività del governo locale, provinciale, regionale e nazionale. La prima grande sfida saranno le elezioni politiche. Dovremo contare su un'organizzazione efficiente, con punti di riferimento in ogni Comune».