Azzurri in piazza, i milanesi «rispondono»

Ci sono i questionari, le forme di formaggio e anche qualche bicchiere di vino. Parte con trentacinque gazebo allestiti in tutte le nove zone di Milano la campagna elettorale di Forza Italia. Che, aspettando il sì del ministro Letizia Moratti, non vuol perdere terreno dal Bruno Ferrante passato disinvolto dai velluti della Prefettura all’arringa davanti al leader ds Pietro Fassino che, nell’ex Stalingrado d’Italia, ringrazia con una cena i volontari della Festa dell’Unità. Ieri ai banchetti azzurri si sono alternati mille volontari che, già nel primo pomeriggio, avevano raccolto oltre 18mila questionari. Quattro domande per dare un giudizio sugli otto anni della giunta Albertini e offrire suggerimenti e idee per il programma delle prossime elezioni amministrative. Quesiti a cui ha disciplinatamente risposto anche il sindaco. Regalandosi un bel voto, ma precisando che c’è sempre la «possibilità di migliorare».(...)