«Babele», Milano lancia la sua Biennale

«Siate elemento fondante di Babele, in vista di quell’esposizione universale che nel 2015 potrà avere come sede Milano. Portate i vostri progetti dai vostri Paesi. Si apra al mondo dei nostri ospiti la più disponibile volontà di collaborazione da parte del Comune». Così, l’assessore comunale alla Cultura, Vittorio Sgarbi, ha rivolto ieri il suo appello ai rappresentanti del corpo consolare, in merito a Babele, la Biennale di Milano che avrà inizio il 15 aprile 2009, giorno di apertura del salone del Mobile, e che si protrarrà fino all’autunno. Così Milano si prepara a sfidare Venezia sul piano dell’arte contemporanea, anche se è dai padiglioni delle varie nazioni dell’Arsenale che l’assessore ha tratto ispirazione per la collaborazione internazionale che auspica per la sua Biennale dei linguaggi contemporanei. «Babele è il segnale di un linguaggio creativo che può influenzare il mondo dell’economia e il turismo, ecco perché vi chiedo di partecipare con iniziative e progetti che siano espressione delle vostre culture».