Baby gang in azione, palazzo devastato

Condomini-detective scoprono i teppisti: cinque i denunciati

Per ingannare la noia non trovano di meglio da fare che devastare un condominio di Rho. Ma gli inquilini vestono i panni dei detective e mettono i carabinieri sulle tracce dei piccoli teppisti . I quali, individuati il giorno dopo, in finiscono caserma dove di fronte allo stupore delle loro famiglie per bene, davanti a mamme e papà, ammettono le proprie responsabilità. «Doveva essere soltanto una bravata – confessano – poi per l’euforia ci siamo fatti prendere la mano e non ci siamo fermati per tempo». I carabinieri della Stazione di Rho li hanno denunciati per danneggiamento aggravato, ma i danni li pagheranno i genitori che alla fine si sono scusati con i condomini, per non aver saputo tenere a freno l’irruenza dei loro integerrimi pargoli in famiglia, di fatto baby vandali fuori dalle mura domestiche. Già, perché i protagonisti della vicenda sono 5 ragazzini più o meno quattordicenni. Tutti studenti. L’altra sera , in preda ad un «raptus» vandalico, hanno deciso di entrare all’interno di un condominio di via Via Veneto, per misurare il proprio coraggio distruttivo. Così, dopo aver causato diversi danni, hanno scardinato gli estintori dislocati negli spazi dello stabile, per svuotarli schiumando i muri e le pavimentazioni. Non contenti si sono spostati nei garage, dove hanno ripetuto l’operazione, completandola con l’utilizzo di bombolette spray di colore nero. Un raid durato più o meno mezz’ora. Alcuni condomini accortisi di quanto stava accadendo sono usciti con l’intento di bloccare la baby gang; ma i teppisti sono stati più veloci dileguandosi, convinti di averla fatta franca. In realtà qualcuno di loro è stato riconosciuto e segnalato agli inquirenti.