Baby-lanciatori dal cavalcavia: armati di fionda miravano alle auto

Colti in flagrante due bimbi di 8 e 9 anni: farebbero parte di una piccola banda

da Frosinone

Due bambini di 8 e 9 anni, sono stati fermati ieri mattina dalla Polizia di Frosinone che li ha sorpresi mentre, con una fionda, lanciavano sassi contro le vetture in transito sull’autostrada A1 da un cavalcavia nei pressi del casello autostradale del capoluogo ciociaro. Ad accorgersi della presenza quanto meno sospetta dei due ragazzini terribili è stato un automobilista di passaggio sul cavalcavia, che serve una zona densamente abitata e che conduce all’area industriale di Frosinone. L’uomo ha chiesto spiegazioni ai due bimbi, ma per tutta risposta si è sentito mandare a quel paese, e così ha allertato il 113. Quando i poliziotti di una volante sono giunti sul posto, quasi non credevano ai loro occhi: i ragazzini avevano una fionda per uno, di quelle realizzate artigianalmente con piccoli tronchi d’albero e un grosso elastico, ma tremendamente efficaci. Le fionde erano anche «cariche», cioè con piccole pietre già sistemate e pronte a essere lanciate sulle autovetture in transito lungo l’autostrada, come al solito a quell’ora particolarmente trafficata, soprattutto di mezzi pesanti.
I ragazzi, calzoncini corti e berretto calzato al contrario, avevano cercato una sorta di nascondiglio in mezzo alla vegetazione, ma neppure tanto riparato, e quindi gli agenti li hanno praticamente bloccati all’istante, mentre tentavano ingenuamente di nascondere le fionde dietro la schiena. I poliziotti, considerata l’età dei due lanciatori di pietre che ovviamente non sono perseguibili, si sono fatti accompagnare alle rispettive abitazioni e qui hanno verbalizzato le generalità dei genitori, che rischiano ora una denuncia per omesso controllo di minore, anche se ogni decisione in merito spetterà alla Procura della Repubblica dei minori, dopo il rapporto che nella giornata di oggi verrà formalizzato e trasmesso dalla Questura di Frosinone. Si tratta di famiglie assolutamente normali, della media borghesia frusinate: padri che lavorano e mamme casalinghe. I ragazzini, poi, finora non avevano dato alcun problema, si apprestano a frequentare la quarta e la quinta elementare in una scuola della zona dello Scalo, a Frosinone, e sia il profitto che il comportamento scolastico non ha mai dato motivo di allarme agli insegnanti.
I due farebbero parte di una baby-gang dedita a simili bravate. Nelle settimane scorse la polizia autostradale di Frosinone aveva raccolto altre denunce da parte di automobilisti che, sempre di passaggio nella stessa zona del cavalcavia incriminato, si erano visti le vetture misteriosamente colpite nella carrozzeria.