Il baby pensionato Speroni privilegiato senza vergogna

Tagli a casta e privilegi va bene. Ma mica si può criminalizzare tout court chi, a norma di legge, ha avuto la possibilità di lasciare il lavoro per tempo. L’europarlamentare della Lega Francesco Speroni (nella foto) fa mea culpa, ma neanche tanto, ai microfoni del programma La Zanzara su Radio24: «Sono un baby pensionato – ammette – sono andato in pensione a 50 anni come tecnico di volo. Sono un privilegiato ma non mi vergogno». Nessuna censura, da parte dell’europarlamentare del Carroccio, nemmeno sul suo stipendio: «Guadagno – dice – tra i 7 e gli 8mila euro netti al mese, però una parte dei rimborsi parlamentari me li metto in tasca». Beato lui...