Baby rom che rubano nelle case: ieri un caso da «manuale»

Ieri l’allarme lanciato dal Giornale: i rom intercettati in un campo del Basso Piemonte insegnano ai loro bambini ad andare a rubare nelle case della Liguria. È di ieri la notizia che conferma l’anticipazione esclusiva. Una bambina di 13 anni sorpresa a rubare in un appartamento e accusata di furto con scasso. La giovane ragazzina di origini croate è stata sorpresa, nella tarda mattinata di ieri, dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine mentre rovistava tra le camere di un appartamento in via Brignole De Ferrari. I dettagli della polizia sembrano «copiati» dal decalogo dell’aspirante ladro suggerito dai rom ai loro figli. La giovanissima aveva con sé, nascosto in una tasca, il cacciavite usato per forzare la tapparella ed introdursi nell’appartamento. L’età, 13 anni, è stata dedotta dagli esami radiologici ai quali è stata sottoposta. Risultata quindi imputabile per il reato di furto con scasso commesso, è stata associata al Centro di Accoglienza di via Frugoni. I genitori rom intercettati, in casi di questo tipo, si sono rassicurati a vicenda: «Intanto domani scappa».