Bacchettati anche i divorziati: «Separati consumate troppo»

Alla fine, nel mirino degli ambientalisti, è finito persino il divorzio. L’ultima scoperta (pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences) è che, oltre a rovinare la vita alle coppie, sarebbe anche un danno ecologico: aumenta i consumi energetici, fa crescere la domanda di case e di infrastrutture e contribuisce al surriscaldamento del pianeta. Negli Usa avrebbero quantificato: il divorzio aumenta del 53% il consumo elettrico e del 43% quello idrico. Secondo i ricercatori dell’università del Michigan, autori dello studio, nel 2005 gli Usa avrebbero risparmiato 73 miliardi di chilowattora di elettricità se le famiglie fossero rimaste unite. La soluzione proposta dagli studiosi? Per il bene dell’ambiente, almeno risposatevi.