Da Bach alla lirica con la Normale

Si apre la stagione musicale dell’ateneo pisano: grandi orchestre e giovani talenti

da Milano

Offrire una panoramica completa dell’universo musicale: è l’obiettivo de «I concerti della Normale», la rassegna musicale della Scuola Normale superiore di Pisa, che quest’anno festeggia il suo quarantesimo anno di vita. Si aprirà il 18 ottobre con la musica barocca nella chiesa dei Cavalieri; seguiranno in media due spettacoli ogni mese fino al giugno 2007, per un totale di 21 concerti, molti dei quali si svolgeranno al Teatro Verdi.
Il repertorio proposto, pensato per un pubblico eterogeneo di allievi, docenti, appassionati e neofiti, spazierà dalla musica barocca agli spettacoli dell’Opera di Pechino, alle pagine dell’Illuminismo e del Romanticismo, fino alle canzoni e alla musica del Novecento, sotto la direzione artistica del compositore e musicologo Carlo De Incontrera.
Molto spazio sarà dato ai giovani talenti e alle sperimentazioni: così si potrà assistere all’esibizione di un astro nascente come la violinista scozzese Nicola Benedetti, mentre per la sperimentazione l’appuntamento sarà alla Città Lirica Opera Studio, con un laboratorio permanente di nuove forme teatrali. L’approfondimento di autori e contesti musicali, prerogativa dei Concerti, anche quest’anno verrà affidato al pianista americano Jeffrey Swann, che analizzerà con un ciclo di quattro lezioni e quattro concerti le direttrici estetiche, «Itinerari», della musica del Novecento.
Accanto ad eventi così peculiari, non mancheranno le grandi performance orchestrali. Tra tutte, quelle della Philharmonische Camerata Berlin, ovvero gli archi di una delle maggiori orchestre del mondo, per la celebrazione, il 29 gennaio, del compleanno della stagione concertistica. Oppure l’Internationale Bachakademie di Stoccarda: tre ore di musica, due orchestre, due cori, un coro di voci bianche, un soprano, un contralto, due bassi e due tenori per uno dei monumenti della civiltà musicale di tutti i tempi, la Passione secondo Matteo di Johann Sebastian Bach.
Durante tutto l’arco dell’annata sono inoltre previsti cinque concerti sinfonici dell’Orchestra della Toscana. Nei primi quattro si alterneranno sul podio Hubert Soudant, Frederic Chaslin, Peter Guth e Shlomo Mintz. Nel quinto ed ultimo all’Orchestra della Toscana si affiancherà l’Orchestra giovanile italiana, sotto la direzione di Gabriele Ferro.\