Baciò la soldatessa, ministro condannato

Gerusalemme. È stato trovato colpevole di «atti osceni» e di aver poi cercato di nascondere la verità l’ex ministro della Giustizia israeliano Haim Ramon, che il 12 luglio scorso baciò sulla bocca una donna ufficiale dell’esercito, contro la sua volontà, mentre attendeva di essere ricevuto dal premier Ehud Olmert. Ramon, che rischia fino a tre anni di carcere, presenterà ricorso. Nelle stesse ore il Procuratore generale ha informato il presidente della Repubblica Moshe Katsav, autosospeso per un caso di abusi sessuali, che dovrà lasciare la residenza ufficiale.