Badante filippina picchia un’anziana Un tecnico Enel assiste alle violenze

Veniva quotidianamente maltrattata dalla sua badante, che è stata arrestata. La triste vicenda ha come teatro un appartamento di Torvaianica e come protagoniste una donna romana di 88 anni, vedova da molti anni e gravemente malata, e la sua badante filippina, Leonoy Coz, di 36 anni, incensurata che da più di un anno assisteva la donna condividendone l’appartamento sul litorale. Ma la giovane asiatica aveva evidentemente un concetto tutto personale di assistenza. E ad accorgersene, del tutto casualmente, è stato un impiegato dell’Enel che, facendo uno dei periodici controlli a un contatori, è stato attirato dalle urla provenienti dall’appartamento al piano terra e ha assisito attraverso la finestra a una scena di mltrattamento ai danni dell’anziana donna. L’uomo ha chiamato i carabinieri che, entrati in casa hanno trovato l’anziana in stato confusionale e piena di ferite e lividi sul viso e sulle braccia e la giovane badante, in un’altra stanza che non ha saputo dare una giustificazione plausibile di quanto accaduto. I carabinieri della stazione di Torvajanica hanno arrestato la badante con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni. Grazie anche ad alcune testimonianze, i militari hanno potuto ricostruire quanto accadeva dentro l’appartamento, nel quale le violenze andavano avanti oramai da molto tempo senza che l’anziana donna avesse mai il coraggio o la possibilità di denunciarle. La badante è stata arrestata e ora si trova nel carcere di Rebibbia. L’anziana è stata trasportata in ambulanza nella clinica Sant’Anna di Pomezia, dove è stata giudicata guaribile in dieci giorni e dimessa.