Bagarre all'esame notarile La procura apre fascicolo: "Indagine sulla regolarità"

La procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla regolarità del concorso da notaio annullato &quot;per motivi di ordine pubblico&quot; la settimana scorsa. Secondo alcuni candidati una delle tracce della prova scritta era stata diffusa on line<br />

Roma - Bufera sull'esame notarile. Tremila candidati per duecento posti, in ballo una delle professioni più prestigiose (e remunerative) e un esame annullato per la prima volta nella storia. A distanza di una settimana la procura di Roma ha aperto un fascicolo processuale sulla regolarità del concorso da notaio annullato "per motivi di ordine pubblico". Alcuni candidati avevano occupato l’aula in seguito alla scoperta che una delle tracce della prova scritta era nelle simulazioni d’esame, anche on line, delle scuole del consiglio notarile. Abuso d’ufficio il reato ipotizzato dagli inquirenti.

Bagarre in aula Il fascicolo, contro ignoti, è stato aperto sulla base di un’interrogazione parlamentare in cui si chiede spiegazione della diffusione della traccia dell’esame su internet. Il carteggio è affidato al pubblico ministero Attilio Pisani, lo stesso che indaga sulla bagarre scoppiata in aula e sfociata in disordini e proteste. Per quest’ultimo aspetto della vicenda si procede per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di comunicare le generalità. Quanto al fascicolo riguardante la regolarità della prova, gli inquirenti chiederanno una relazione alla commissione d’esame ed interrogheranno alcuni candidati come testimoni.

I precedenti Una avvocatessa siciliana che lo scorso anno è stata trovata in possesso delle tracce d’esame nel concorso per magistrato amministrativo, è stata mandata a giudizio dalla Procura di Roma. È questo uno dei precedenti che gli inquirenti di piazzale Clodio stanno vagliando in queste ore rispetto all’inchiesta sul concorso per notaio che è stato annullato. In quel caso l’accusa contestata alla legale è stata la rivelazione del segreto d’ufficio.