Bagarre in aula tra due deputati con urla, insulti e placcaggi

Bagarre in aula alla Camera per uno scambio poco inglese di apprezzamenti tra un esponente leghista e un collega dell’Idv. A far esplodere la tensione sono state le parole del deputato dell’Italia dei valori Antonio Borghesi che in replica a un intervento del leghista Matteo Brigandì (nella foto) ha ricordato il passato di quest’ultimo in carcere. A quel punto il deputato del Carroccio, ex giocatore di football americano dalla stazza ragguardevole, si è diretto verso Borghesi ed è stato trattenuto solo quando si trovava ormai vicino a lui, mentre dai banchi della maggioranza si levava il grido «Buffone buffone» contro Borghesi.
Il litigio era nato dall’intervento del leghista che distingueva il ruolo del pianista tra deputato di maggioranza e opposizione sostenendo che se il primo vota per due lo fa per ragioni politiche mentre il secondo lo fa per intascare la diaria. «E questo si chiama truffa» ha sentenziato Brigandì. A quel punto è scoppiata la bagarre. In serata la correzione di rotta per bocca dello stesso Di Pietro, leader dell’Idv, che ha aggiunto: «Mi scuso, abbiamo sbagliato e idealmente stringo la mano a Brigandì. Le vicende personali non c’entrano nulla, ognuno ha le proprie e le risolve con i giudici».