Baggio, quell'inarrivabile icona di un sogno

<p>Dal<strong> <a href="http://blog.ilgiornale.it/macioce/2012/01/18/baggio-linarrivabile-icona-... target="_blank"><strong>blog di Vittorio Macioce</strong></a></strong>. L’uomo ha ormai quasi tutti i capelli bianchi. Non è un vecchio, ma il talento ti consuma in fretta. Anche la barba è brizzolata</p>

L’uomo ha ormai quasi tutti i capelli bianchi. Non è un vecchio, ma il talento ti consuma in fretta. Anche la barba è brizzolata. È nel suo laboratorio, qualcosa che qui nel Nord Est ha la stessa sacralità delle chiese.

Da quando ha smesso lavora con le mani. Sta restaurando una vecchia gabbia per uccelli. Le colleziona. Ne ha più di trecento. Su una parete c’è anche uno strano museo per cacciatori: specchietti per allodole, richiami, anatre di legno. Quattro erano di Giacomo Puccini, le ha trovate sul lago di Massacciuccoli. Da qualche parte c’è anche un baule pieno di maglie da calcio, più di seicento. Maradona, Ronaldo, quella bianca di Pelè del Santos, Zico, Van Basten. Da quanto tempo si è tagliato il codino?

Continua a leggere su Il cartografo, il blog di Vittorio Macioce