Baldi (Mpr) provoca: «Rinunciate ai rimborsi elettorali»

Tra le due “litiganti” il terzo incomodo “provoca”. Nel tentativo di guadagnarsi un minimo di visibilità nella campagna elettorale praticamente egemonizzata dalle due principali candidate, il leader del Movimento per Roma Michele Baldi lancia una proposta destinata a fare rumore: «Se le candidate Bonino e Polverini invece di giocare con gli adattamenti sul web di film di successo o di passare il tempo a raccontare ai cittadini cose impossibili e irrealizzabili rispondessero sulle cose serie forse si riuscirebbe a parlare di cose che interessano davvero gli elettori che sono, prima di tutto, contribuenti. Ribadisco - ha spiegato Baldi - che già da due settimane ho chiesto alle due candidate di firmare un patto per rinunciare senza leggi né referendum ai rimborsi elettorali previsti per le elezioni regionali». «Ricordo ancora una volta - ha sottolineato Baldi - che questi vergognosi rimborsi vengono riconosciuti non in base ai voti effettivamente presi ma sulla percentuale riportata dai vari partiti a fronte di tutti gli aventi diritto al voto, compresi quelli che non voteranno. Perché su questa semplice proposta con la quale si potrebbero impegnare decine di milioni di euro su opere concrete c’è un assordante silenzio? Io continuerò a bussare su questa proposta e chiedo a tutti i cittadini di mandare un fax ai comitati elettorali della Bonino e della Polverini per pretendere risposte e impegni chiari e chiedere perché fanno orecchie da mercante».