La Balistreri: voce e chitarra che è saga, poema, passione

Tra i suoi estimatori c’erano Pasolini, Guttuso, Fo, Ignazio Buttitta e ora Wim Wenders, che nel suo nuovo film su Palermo inserirà alcuni brani cantati da lei, Rosa Balistreri, in quest’album postumo finora inedito. Che riesuma il mito della grandissima cantatrice siciliana, cogliendone il talento in vari suoi aspetti - il canto religioso, il canto d’emigrazione, il canto d’amore - e includendo anche l’emozionante, già noto, Lamento d’un servo ad un Santo Crocifisso. Il tutto esaltato da quella voce aspra, attoriale, poco incline allo sfogo intimista e invece in bilico tra la lauda, l’opera dei pupi, l’epopea dei cantastorie. Voce cui basta il tenue contrappunto d’una chitarra per diventare saga, poema, sarcasmo, passione.

Rosa Balistreri Rosa canta e cunta (Teatro del Sole)