Ballerina massacrata per gelosia Il cadavere lasciato in spiaggia

L’hanno trovata in spiaggia, il cranio fracassato. Il corpo di Andreea Christina Marin, ballerina in un night club, è stato scoperto sul litorale di Porto Potenza Picena, a Lido Bello, provincia di Macerata. La ragazza aveva 22 anni, era romena.
A distanza di poche ore dal ritrovamento del cadavere, i carabinieri di Porto Potenza (Macerata) hanno fermato quattro persone ritenute responsabili dell’omicidio. Si tratta di Sandro Carelli, di 57 anni, pare compagno della vittima, del figlio Valentino, di 23 anni, e dei suoi amici Sebastian Capparucci, di 25 anni, e Silvio Giordanà, di 23, tutti residenti nella zona. Secondo indiscrezioni, tutti avrebbero ammesso le proprie responsabilità. I carabinieri stanno tentando ora di ricostruire i momenti che hanno preceduto il delitto e le ragioni che hanno portato all’uccisione della romena, che da solo un mese si era trasferita da Macerata nel condominio di Porto Potenza.
In queste ore sembra prevalere la pista passionale, ma potrebbe non essere la sola in quanto la ballerina era conosciuta anche negli ambienti della prostituzione. I carabinieri hanno utilizzato le testimonianze di alcuni ospiti del night club, che hanno detto di aver visto le quattro persone fermate all’interno del locale. I quattro avrebbero aspettato la giovane sotto casa al rientro dal lavoro per poi aggredirla e ucciderla. Il corpo sarebbe stato abbandonato in spiaggia solo successivamente.