Ballerina soffocata e chiusa nella valigia Confessa l'assassino: "L'ho uccisa io"

Andrea Falaschi, 35 anni, arrestato con l'accusa di aver assassinato Oksana Auskelyte, la ballerina ucraina di 27 anni il cui corpo è stato trovato chiuso in una valigia gettata in un cassonetto nel Pistoiese

Pistoia - Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla squadra mobile di Pistoia con l’accusa di aver ucciso la donna trovata morta in una valigia. Il corpo di Oksana Auskelyte, ballerina di 27 anni, era stato trovato nella valigia in un cassonetto nel Pistoiese. L’arrestato è Andrea Falaschi, originario di Pisa e residente a Montecatini, un lavoro come piastrellista. Secondo quanto emerso l’uomo avrebbe ammesso le sue responsabilità. La notizia è stata resa nota dalla questura di Pistoia.

Gli uomini della squadra mobile di Pistoia, diretti da Antonio Fusco e coordinati dal pm Ornella Galeotti, sono risaliti a Falaschi dopo una giornata trascorsa a sentire amici e conoscenti della ballerina, di origine lituana, ritrovata in un cassonetto a Serravalle Pistoiese. Ieri sera alle 22 l’interrogatorio e nella notte l’arresto. Il movente sarebbe passionale. Stando a quanto emerso, Falaschi e la giovane si frequentavano da circa due settimane: avevano iniziato una relazione dopo essersi conosciuti nel locale di Lastra a Signa (Firenze) dove la vittima lavorava come ballerina di lap dance. L’omicidio, questa la ricostruzione, è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì, nell’appartamento di Falaschi a Montecatini, città dove viveva anche la donna, dopo una discussione scoppiata tra i due.

In base a quanto avrebbe dichiarato l’arrestato, la giovane sarebbe stata prima colpita con una bottiglia di vetro, poi ferita a un fianco con un coltello da cucina. Infine l’uomo l’avrebbe soffocata. Le avrebbe quindi messo un sacchetto della spesa sulla testa: non avrebbe sopportato di vederne il volto. L’uomo sarebbe quindi andato a casa della vittima per prendere la valigia all’interno della quale è stato poi ritrovato il cadavere.

Si sarebbe quindi disfatto dei suoi abiti sporchi di sangue e del cellulare della ragazza, gettandoli dentro un cassonetto. In base alle testimonianze raccolte dalla squadra mobile fra le amicizie della ballerina, Falaschi avrebbe avuto nei confronti della giovane lituana un atteggiamento possessivo. L’arrestato ha spiegato invece che voleva lasciare la ballerina, essendo già fidanzato, ma che la vittima non avrebbe voluto e avrebbe anche minacciato di rivelare la loro relazione se lui l’avesse abbandonata.