Ballerini di tango in affitto

Gruppi di ragazzi accompagnano le turiste a cena e poi insegnano il ballo. La serata costa 120 euro

da Buenos Aires

Dieci o quindici dollari l'ora per avere un partner tutto per sé e ballare nelle «milongas», le balere della capitale mondiale del tango. È l'ultima tendenza che si è diffusa a Buenos Aires, sempre più spesso meta di turiste affascinate dal travolgente e sensuale ballo argentino. La tendenza l’ha raccontata ieri il quotidiano La Nacion, che in un ampio servizio sul fenomeno ha raccontato che le «clienti» abituali sono in maggioranza signore europee e nordamericane di mezza età. Si tratta prevalentemente di professioniste danarose e soprattutto a digiuno dei passi base di una danza che in realtà richiede molto impegno, oltre che tempo, per essere assimilata. Affascinate dall’idea di diventare ballerine, le signore si dirigono a Buenos Aires, dove in alcuni periodi dell’anno il tango viene ballato ovunque. Spesso, però, le aspiranti danzatrici non possono accedere ai tipici locali dove si concentrano gli appassionati. Questi locali, infatti, sono riservati ai ballerini esperti, oppure rischiano di non trovare un cavaliere, «perchè in pista non vince la più bella ma quella che balla meglio», commenta Guillermo Amarillo, professore di tango e taxidancer.
Ed ecco che per salvare le «turiste del ballo» dall'imbarazzo di trascorrere tutta la notte sedute a guardare, è nata la figura del tango partner, un provetto ballerino, possibilmente giovane, che in cambio di un compenso accompagna le signore nelle milongas e le fa volteggiare sulle magiche note della malinconica melodia. Il business dei taxidancer si sta diffondendo rapidamente a Buenos Aires, sebbene secondo i rigorosi codici del tango queste figure siano considerate marginali e offensive per la tradizione «milonguera». Le opzioni, comunque, sono varie: si va dal semplice «tango accompagnamento» ad un programma più completo, spesso proposto da ristoranti e locali, di lezioni private, cena e tre ore di «pratica» in una sala da ballo. Considerando tutto, il costo totale di questa serata-tango è piuttosto contenuto: non supera i 120 dollari.
Ma per le avventurose turiste poter trascorrere in pista attimi magici tra le braccia di un «vero» ballerino di tango è qualcosa che non ha prezzo, anche se c'è qualche rischio. L'iniziativa sta alimentando il circuito turistico di Buenos Aires, ma - avverte La Nacion - per le viaggiatrici straniere più ingenue c'è un pericolo: quello di innamorarsi dell'accompagnatore visto che - rileva il quotidiano - ci sono già stati diversi fraintendimenti da parte delle signore. «Ballare un tango - conclude il giornale - è come vivere una storia d'amore, spesso superare i limiti è molto facile: per questo, la cosa importante è mettere subito in chiaro il ruolo del cavaliere».