Ballerini da tutto il mondo danzano nei musei di Genova

«Corpi Urbani/Urban Bodies», festival internazionale di danza in paesaggi urbani si svolge domani e sabato a Genova. Un programma articolato di performance di danza in spazi urbani e architettonici della città da parte di artisti italiani e internazionali. Corpi Urbani è un viaggio nella poetica della danza, in particolare quella relazionata all'architettura e agli spazi urbani, così come viene interpretata nei paesi europei a noi più vicini e sul territorio locale. Un percorso, quello di questa quarta edizione, che prevede la presenza di 4 compagnie straniere e 7 compagnie italiane per un totale di 17 spettacoli.
I luoghi delle performance sono prevalentemente concentrati nel centro storico e commerciale della città: i palazzi storici, le mura, gli atri e i giardini, le piazze e i cortili saranno animati e trasformati dall'arte del movimento. Gli artisti lavorano sull'improvvisazione, la ripetizione, lo studio site-specific, la coreografia più articolata, il dialogo con la musica e l'architettura, la spettacolarità e l'intimità, in uno spazio comune dove corpo e luogo diventano due binomi tanto inscindibili quanto mutevoli.
Tra gli artisti stranieri ospiti ci sono la compagnia brasiliana Membros, il cui risultato artistico è frutto della paziente azione educativa nell'ambito di un Gruppo di Strada delle scuole municipali della città di Macaé (Rio de Janeiro); l'artista francese Antoine Le Menestrel, che in qualità di ottimo scalatore negli anni 80, dal 1988 crea spettacoli per gli spazi urbani; la compagnia francese Tango Sumo, costituita da perfomers del mondo della danza e dell'acrobazia; il coreografo e danzatore spagnolo Damian Muñoz, che oltre a presentare due suoi spettacoli in coppia con Virginia Garcia, condurrà un laboratorio nella settimana antecedente il festival, con una performance finale all'interno del festival.
Ci sarà spazio anche per gli artisti italiani, tra cui Company Blu Danza, uno dei gruppi italiani più innovativi nel panorama della danza contemporanea degli ultimi anni, che ha sempre ricercato un rapporto diretto con la musica dal vivo e le architetture plastiche estemporanee del corpo; la compagnia torinese Il Cantiere presenterà uno spettacolo prodotto dalle Olimpiadi della Cultura, nell'ambito dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006.
Il programma del Festival vedrà inoltre alcuni coreografi e danzatori locali presentare le proprie creazioni, adattate ai luoghi, all'interno della Galleria di Palazzo Rosso e del Museo del Mare e della Navigazione.