Il balletto di Mosca e Carla Fracci stregano il Priamar

Interpreti internazionali a Savona: domani in scena Il lago dei cigni. Lunedì 31 luglio c’è la Compagnia italiana

Eliana Biagini

«Il lago dei cigni» di Petr Il'ic Cajkoskij è il primo appuntamento di danza classica della rassegna estiva 2006 «Teatro, musica e danza», che si svolge a Savona sulla fortezza del Priamar.
L'opera viene rappresentata domani in un allestimento tradizionale ed importante del «Teatro Accademico di Stato del Balletto Classico di Mosca», con la coreografia di Kastkina e di Vasiliov, dall'originale di Ivanov e Petipa. Lo spettacolo si svolge in collaborazione con l'«Associazione Arte e Danza Teatro di Torino» ed , insieme alle altre due proposte di danza classica, «Pulcinella», tratta da Pergolesi e «Quattro danze fatali per Isadora Duncan», con Carla Fracci protagonista, è nata per iniziativa di Loredana Furno, ex ballerina, che attualmente cura il Festival di Danza di Asti.
Capolavoro del balletto classico, è solitamente destinato ad un pubblico competente ed appassionato, ma riscontra spesso anche il consenso degli amanti della cultura, dell'arte e della bellezza in senso lato. Questa opera classica, che ha fatto il giro dei teatri di tutto il mondo, dovunque sia rappresentata, oggi è, infatti, accompagnata sempre da un notevole successo di pubblico, mentre, quando Cajkoskij ne compose le musiche, nel 1875, furono accolte dal pubblico e dalla critica senza entusiasmo. Il corpo di ballo femminile è costituito da professioniste di elevato livello, che trasportano armonicamente sulla scena emozioni ed inquietudini.
«Il Lago dei cigni» è inserito nell'ambito della trilogia di cui fanno parte anche «Lo schiaccianoci» e «La bella Addormentata». In esso è sviscerata una tematica che all'amore coniuga il sentimento della rinuncia evidenziando, secondo i critici, l'influsso di Wagner e di Schopenhauwer e soddisfacendo lo spirito romantico insito in ogni uomo. L'armonia perfetta tra l'elemento lirico e quello drammatico suscita l'apprezzamento dei conoscitori dell'opera.
La vicenda amorosa musicata narra, secondo gli schemi tradizionali, la conquista da parte di un uomo della donna amata, superando gli ostacoli che si frappongono, ma evidenzia anche un processo di crescita umana, prima nella confusione del bene con il male, poi nel discernimento che induce a privilegiare il bene.
Domenica 23 luglio, ci sarà la «Serata Stravinskij» del Balletto Classico del Teatro di Torino, compagine storica italiana che ha danzato in tutti i templi della danza mondiale. Il programma prevede il balletto «Pulcinella» su musica di Igor Stravinskij da Giovan Battista Pergolesi, coreografia di Loris Gai, scene e costumi di Eugenio Guglielminetti. Seguirà, nella stessa serata, Circus Polka, un divertito omaggio musicale di Stravinskij al mondo del circo, partitura creata originariamente per il celebre Circo Barnum.
Chiude in bellezza questo primo programma, lunedì 31 luglio, la Compagnia Italiana Balletto con «Quattro danze fatali per Isadora Duncan». Protagonista della serata un'artista di fama internazionale, una delle più grandi ballerine e interpreti del xx secolo, che il resto del mondo ci invidia e che non mancherà di incantare il pubblico: Carla Fracci, che balla per la prima volta a Savona. «Quattro danze fatali per Isadora Duncan» è un omaggio, di grande effetto drammatico, capace di commuovere, all'artista statunitense, antiborghese e carismatica innovatrice dei canoni della danza. Biglietteria al Teatro Chiabrera, piazza Diaz,2, Savona, da lunedì a sabato, ore 10-12 e 16-19, tel 019/8485974. Le sere di spettacolo sarà attiva una biglietteria direttamente al Priamar, (via Mazzini, vicino al porto) dalle ore 20. Biglietti da 15 a 18 euro.