Balli latini e ritmo Così la ginnastica diventa «Rockstar»

Eleonora Barbieri

da Milano

Raquel Welch, sessantacinque anni portati meravigliosamente, è riuscita a stupire anche il perfido Larry King: e quando il conduttore più famoso d’America, ammaliato, le ha chiesto quale fosse il segreto della sua bellezza, la replica è stata delle più temibili: «La verità è che è una fatica pazzesca». L’attrice si è anche lasciata andare ai dettagli del suo training quotidiano: sveglia alle 6, yoga, stretching e respirazione; alle 7 appuntamento in palestra per un’ora di esercizi cardiovascolari e, per finire, 45 minuti di allenamento per il peso forma. Rigorosamente sei giorni a settimana, seguiti da altrettanta scrupolosità nella dieta, ferrea e con pochissime concessioni al gusto.
La fatica è imprescindibile: nel corso degli anni, però, la ginnastica è diventata un’attività sempre più piacevole e, spesso, d’élite. Perché le tendenze più innovative e gli esercizi più efficaci passano sempre attraverso il vaglio di attrici, modelle e cantanti, che poi mostrano al pubblico i risultati del loro sudore quotidiano: e, fra loro, precorritrice di ogni moda, nella ginnastica come sul palco, Madonna. L’ultima invenzione della signora Ritchie si chiama «Nike Rockstar Workout»: un mix di balli latinoamericani e attività cardio elaborato in esclusiva da Jamie King, coreografo di Prince, Britney Spears, Christina Aguilera e, appunto, della ex miss Ciccone.
Secondo King, il metodo garantisce risultati strabilianti: si fa fatica, certo, ma è anche molto più divertente di una corsa in solitario alle cinque della mattina e assicura la massima tonicità a gambe, glutei e braccia: una specie di miracolo, che Mr King sta esportando in tutto il mondo, complice l’unione fra il colosso dell’abbigliamento sportivo e una stella della musica planetaria.
Una lezione dura 60 minuti e prevede un miscuglio fra salsa, merengue e cha cha cha, accompagnato da esercizi ad alto ritmo. La novità che ha appassionato Madonna è arrivata da poco anche in Italia: alcune palestre, come la «Downtown» di Milano o lo «Sporting Palace» di Roma offrono lezioni di «Rockstar Workout». Gli esercizi di Madonna e King si possono seguire anche in altri centri a Firenza, Genova e Napoli. La disciplina, comunque, continua a evolversi: lo stesso King ha promesso che, a breve, aggiungerà movimenti e mosse in stile hip-hop, che verranno rinnovati col passare dei mesi.
Il connubio fra stelle dello spettacolo e sport, d’altronde, ha accompagnato tutte le novità del fitness degli ultimi anni: un po’ perché le bellissime devono mantenersi in forma per lavoro, un po’ perché le dive si possono permettere l’allenatore migliore e più aggiornato.
Così, negli anni Settanta e Ottanta, la fortuna dello yoga è passata anche attraverso le «lezioni» di Jane Fonda, la cui immagine con le gambe incrociate nella posizione del «loto» è ormai famosa quasi quanto le scene di «Barbarella». Negli anni Novanta, l’epoca delle «supermodel», lo sport non poteva non legarsi alla modella per eccellenza, Claudia Schiffer, che ha deliziato i suoi fan con videocassette ricche di consigli per conquistare una linea perfetta.
Oggi ci sono le lezioni di Coleen McLoughlin, la bella fidanzata del calciatore inglese Wayne Rooney, che ha pensato di far fruttare così il suo tempo, anziché dedicarsi soltanto all’attività per cui era più nota, lo shopping: si è affidata a un «consulente sportivo», si è impegnata in un duro lavoro di fitness quotidiano e, alla fine, ha sfornato una serie di suggerimenti e segreti da condividere con le sue coetanee d’Oltremanica. Alla carriera di trainer si sono dedicate anche altre attrici britanniche, come Charlie Brooks e Angela Griffin, passate così dai telefilm ai video di ginnastica.
È di pochi anni fa, invece, la moda del «pilates», una tecnica profonda, che riesce ad abbinare yoga, danza e ginnastica: così tonifica e snellisce, senza essere troppo aggressiva. Per le signore di Hollywood è stata una benedizione, che ha fatto subito dimenticare gli sforzi e il baccano dello «spinning». Uma Thurman, Liz Hurley e Jennifer Aniston sono solo alcune delle stelle che si sono subito convertite alla disciplina di John Pilates, che richiede fatica fisica e concentrazione della mente. Una formula calzante anche per la filosofia dell’attrice Reece Witherspoon, che ha confessato: «Faccio yoga quasi tutti i giorni e corro per 5 chilometri almeno quattro o cinque volte a settimana. Ho un po’ di grasso in eccesso intorno alla vita, ma sto bene. Mi sento splendida, e mi basta».