Ballotta non basta Lazio ko contro l’Udinese

Roma. All’Olimpico gioca solo Ballotta, ma anche questo non basta a evitare la sconfitta e i fischi dello scarso pubblico presente. La Lazio è ancora in emergenza, sente nelle gambe e nella testa la stanchezza per l’impegno di Coppa e forse pensa anche alla brutta vicenda che riguarda il suo allenatore Rossi. Così appare svuotata, intimorita e senza cattiveria agonistica. E dopo il Milan, anche l’Udinese passa sul campo biancoceleste. La squadra deve ringraziare il proprio portiere (almeno cinque interventi prodigiosi) se alla fine il passivo non è rotondo come quello subito dai rossoneri. Ballotta è un baluardo insuperabile, almeno fino all’inzuccata del ghanese Asamoah, lasciato colpevolmente libero dalla difesa. I friulani si dimostrano squadra quadrata e organizzata, giocano un gran primo tempo e agiscono con pericolose ripartenze nel secondo. La Lazio resta a lungo in balia dell’avversario e fatta eccezione per qualche conclusione dalla distanza, non sembra mai in grado di risollevare la sua partita. Un brutto viatico verso il derby con la Roma di mercoledì.