Bambina di 10 anni mette in rete l’auto-scatto osé: oscurata la pagina

Una foto scattata con un telefonino cellulare, che la ritrae nuda in bagno è stata pubblicata sul profilo Facebook di una bambina di 10 anni, che vive in una piccola città del litorale laziale. È stata la stessa minorenne, sfruttando lo specchio del bagno, a immortalarsi in un auto-scatto e a postare la foto, anche se sono in corso indagini per escludere del tutto il coinvolgimento di terzi. Quel che è certo è che la pagina è stata visitata da migliaia di persone e commentata sui blog di tutta Italia, prima che la polizia postale la oscurasse. E naturalmente ha sollevato critiche e indignazione, riaprendo il dibattito sulle insidie dei social newtwork per i più piccoli. In teoria i minori con meno di tredici anni non potrebbero iscriversi a Facebook, ma la società di Palo Alto è stata più volte criticata per gli scarsi controlli sulla registrazione dei bambini. Al momento non è stata presentata nessuna denuncia all’autorità giudiziaria, ma gli investigatori vogliono comunque essere sicuri che ad inserire la foto sia stata la stessa bambina e non qualcun altro. In questo ultimo caso, resterebbe da capire come un estraneo sia potuto entrare in possesso dell’immagine e sia riuscito a pubblicarla sul profilo della minorenne. Questa pista però verrebbe seguita solo per scrupolo: la stessa bambina, infatti, avrebbe risposto al portale Notizie.it, che la sollecitava a rimuovere la foto e che ha diffuso la notizia: «Se la levo finisce sta barzelletta?» ha scritto la ragazzina. La storia comunque ha destato allarme, soprattutto alla luce della facilità con cui i minorenni possono eludere le restrizioni sui social network.