Bambini sui mezzi pubblici: fino a 10 anni si viaggia gratis

Bimbi gratis sul tram: la rivoluzione scatta il primo aprile, e non sarà un «pesce». Ieri sindaco e giunta hanno firmato un’informativa per chiedere ad Atm di modificare il regolamento e accontentare le richieste che da tempo arrivavano dalle mamme milanesi. Secondo le nuove regole, potranno viaggiare senza biglietto i bambini fino a cinque anni - senza limite di numero - purché accompagnati da un adulto, non necessariamente mamma o papà, e muniti di un documento che dimostri l’età. Anche i bimbi dai sei ai dieci anni potranno viaggiare gratis su tram, autobus, filobus e metropolitana, ma in questo caso solo due per ogni adulto accompagnatore. Il Comune rende la vita più facile anche alle mamme con bebè: non ci sarà più l’obbligo di ripiegare il passeggino o la carrozzina, purché non creino intralcio agli altri passeggeri o siano collocati (se non è già occupata) nella postazione riservata ai disabili in carrozzella.
Con questi criteri, spiega l’assessore ai Trasporti Edoardo Croci, «intendiamo incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici da parte delle famiglie, che per spostarsi in città devono avere un’alternativa, anche economicamente conveniente, all’uso dell’auto». Un intervento, conferma l’assessore ai Servizi sociali Mariolina Moioli, «che favorisce tutte le famiglie e in particolare quelle numerose; con le nuove regole potrà utilizzare i mezzi un maggior numero di bambini, con un risparmio significativo per ogni nucleo». Oggi, secondo una stima di Atm, sono circa 5 milioni i bimbi fino a dieci anni di età che viaggiano sui mezzi in un anno.
Novità in vista anche per il piano parcheggi. A fine settembre il sindaco aveva disposto il riesame di ventisei opere non ancora convenzionate, e ieri mattina nella seduta di giunta Croci ha presentato l’esito finale. La commissione tecnica, come aveva già anticipato nelle scorse settimane l’assessore, ha espresso parere contrario per sette località - i parcheggi di via Venosa, Canaletto, piazza Paolo Ferrari, via Palestro, piazza Lavater, piazza Gobetti e piazzale Libia - ma ha aggiunto che due progetti subiranno sostanziali modifiche: il parcheggio residenziale di piazzale Damiano Chiesa e quello di corso di Porta Vercellina. Sarà compito della giunta ora approvare il risultato del riesame.
A «combattere» contro il parcheggio di via Montello, che ha ottenuto invece il via libera della commissione, era un agguerrito comitato che ha difeso a spada tratta e a suon di colorati presidi e manifestazioni la Piccola Scuola di circo. Non sono riusciti a bloccare il parking, ma il Comune assicura che verrà individuata un’area in grado di ospitare il tendone, che sarà spostato per consentire l’apertura del cantiere.