Bambino folgorato Sigilli al Luna Park

Forse voleva entrare nel Luna Park da un varco nella recinzione. Sarebbe morto così Domenico Semplicio, il ragazzino morto folgorato mercoledì sera a Montesilvano (Pescara). Il 13enne, arrivato al parco divertimenti aperto solo d’estate insieme a due amici, si sarebbe intrufolato e, passando tra due giostre, sarebbe inciampato finendo contro una recinzione metallica e ricevendo una scossa elettrica che è risultata fatale per lui e ha colpito anche uno dei due ragazzi che ha cercato di aiutarlo. Ora i carabinieri indagano sul malfunzionamento che ha provocato l’elettrificazione della rete. La struttura è stata posta sotto sequestro e il Comune ha fatto sapere di avere aperto una propria inchiesta per capire come mai non è entrato in funzione il meccanismo salvavita.