«Bamboccione sarà lei»

Non l’hanno proprio digerita quella battuta. Il ministro dell’Economia Tommaso Padoa-Schioppa li ha definiti «bamboccioni» e loro, i ragazzi che vivono ancora con mamma e papà, hanno deciso di scendere in piazza. L’appuntamento con il B-day è il primo dicembre alle 15 nelle principali piazze italiane. L’obiettivo? Far capire a Tps quanto infelice sia stata la sua uscita, perché loro, i giovani bamboccioni, sono costretti a rimandare sine die la loro indipendenza. Come Laura, 22 anni, che alterna gli studi in lingue a lavoretti saltuari per cercare di mantenersi. Oppure Giovanna, che per uscire di casa, è costretta a lavorare tutti i weekend.