Banca 121, chiesto il processo per 14

da Milano

La Procura presso il tribunale di Trani ha chiesto il rinvio a giudizio per 14 dipendenti dell’ex Banca 121 accusati di aver commercializzato prodotti finanziari con denominazioni truffaldine che giocavano sull’assonanza con i titoli di Stato. Dopo la sottoscrizione dei titoli - Btp on line, Btp Tel, Action 2001, Bot strike 2001, Bot equity linked 2001, Bot reverse 2001 - i sottoscrittori lamentarono forti perdite nonostante la prospettazione di operazioni a capitale garantito.
L’udienza preliminare comincerà il 13 dicembre dinanzi al gup del tribunale di Trani, Grazia Miccoli. Tra gli imputati vi è Rosanna Venneri, responsabile della divisione privati e finanza e della divisione financial service dell’istituto di credito, poi rilevato da Banca Mps. I fatti contestati riguardano il periodo compreso tra fine anni ’90 e inizio 2000.
Nel corso dell’indagine, negli anni scorsi, erano stati indagati (ma la loro posizione fu archiviata dal gip su richiesta della pubblica accusa) anche l’ex governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio, e l’ex presidente della Consob, Luigi Spaventa.