Banca Generali: «Ipo» a 8 euro

da Milano

Assicurazioni Generali incassa il via libera della Consob all’Opa su Toro. L’offerta, che propone un prezzo di 21,20 euro per azione, avrà inizio il 13 novembre e terminerà il 12 dicembre. Con questa mossa Generali, che aveva già acquistato il 65% di Toro dal gruppo De Agostini, punta a raccogliere l’intero capitale della compagnia: 3,85 miliardi l’impegno complessivo considerando anche l’accordo con Novara. Toro, che è quindi destinata a dire addio un’altra volta al listino di Piazza Affari, è uno dei cardini con cui il Leone conta di diventare il primo attore italiano anche nel settore dei danni. Sulla partita resta però l’incognita del giudizio dell’Antitrust che, entro il 5 dicembre, dopo aver letto il parere dall’Isvap, dovrà indicare come risolvere gli eventuali effetti sulla concorrenza derivanti dall’acquisizione. In attesa del verdetto, il Leone ha concluso anche il processo di quotazione della controllata Banca Generali con domande pari a circa 10 volte l’offerta da parte degli istituzionali (8,5 volte dal retail). L’istituto guidato da Giorgio Girelli sbarcherà al listino a un prezzo di 8 euro (6,5 e 8,5 euro la forchetta) per una capitalizzazione di 891 milioni. Giovedì il gruppo Generali ha invece ufficializzato di aver chiuso i primi 9 mesi dell’anno con utili in crescita del 23% alla quota di 1,94 miliardi.