Banca Intesa entra col 5% in Sigma-Tau

da Milano

Banca Intesa entra nel capitale di Sigma-Tau, uno dei principali gruppi farmaceutici italiani attraverso un aumento di capitale dedicato, con una quota pari al 5%, per un controvalore di circa 70 milioni di euro, a fronte di un enterprise value di 1,5 miliardi. «L'obiettivo di medio termine - si legge in una nota - è il proseguimento del processo di internazionalizzazione con particolare riguardo al mercato nord americano e la quotazione presso un mercato regolamentato». L'operazione è stata portata a termine per Banca Intesa dalla Divisione corporate guidata da Gaetano Miccichè. Consulenti legali sono stati lo Studio legale Carbonetti per la società e lo Studio legale Pavesi-Gitti-Verzoni per gli investitori. Sigma-Tau rappresenta ha una quota di mercato pari al 3,5% e ha chiuso il 2005 con ricavi consolidati pari a 674 milioni di euro. La società con sede a Pomezia ha più di 2.400 dipendenti di cui oltre 400 ricercatori. Ha filiali in Francia, Svizzera, Olanda, Germania, Stati Uniti, Spagna e Sudan, e ha aperto collaborazioni con la Cina per lo sviluppo mondiale di un farmaco antimalarico derivato dalla medicina tradizionale cinese.