Bancari ancora in rialzo

Un finale più prudente non ha impedito a Piazza Affari di chiudere l’ultima riunione della settimana con un ulteriore apprezzamento degli indici di Borsa, pari allo 0,3% per la serie Mibtel, mentre Comit e Mediobanca hanno registrato guadagni dello 0,5%. Gli indici si stanno pertanto riavvicinando ai massimi dell’anno, con progressi prossimi al 10%; il tutto sorretto da un volume di scambi che si mantiene elevato, con 4,6 miliardi di euro. I bancari hanno rappresentato ancora l’outsider del listino, grazie a nuove performance di Capitalia, Mediobanca, Intesa e Unicredit, in ulteriore crescita intorno all’1%. Realizzi sui titoli energetici, mentre continua a soffrire Alitalia, che ha perduto ancora il 3,8% con ulteriore deprezzamento dei diritti di opzione tra l’8 e il 10%. In ulteriore crescita il binomio Save-Gemina, mentre nel pomeriggio una ondata di realizzi ha investito Parmalat (meno 4%), per nuovi sviluppi nella vicenda delle revocatorie. Il mercato si appresta ad assorbire una ondata di Ipo con conseguente quotazione. Martedì arriverà nel segmento Star il titolo Guala Closures, ma lunedì partirà l’Ipo Eurotech, con un range di prezzo tra 2,9 e 3,5 euro.