Bancari in evidenza

Borsa festiva a Piazza Affari, che ha visto dimezzare il volume degli scambi, indicato in poco meno di 2,2 miliardi di euro. Contrasti anche negli indici, con quelli ufficiali che si mantengono intorno alla parità, con l’eccezione del Midex, in rialzo dello 0,6%, mentre gli indici bancari, Mediobanca e Comit si sono apprezzati intorno allo 0,4%. La scarsa operatività non ha impedito di confermare una tendenza positiva nel suo complesso ma, soprattutto, di una ripresa del ruolo primario da parte dei titoli bancari. In primis Unicredit che migliora di quasi il 2% dopo l’aumento della quota di Pesenti nel capitale della banca; e ancora Montepaschi, Mediobanca, Pop. Italiana e Capitalia, mentre Pop. Intra (più 7,3%) recupera celermente dopo le notizie di un certo interesse da parte di altre «popolari». In movimento anche il comparto assicurativo, con progressi superiori al 2% per Sai e Milano assicurazioni, mentre Unipol è in risalita dopo la chiusura dell’aumento di capitale. Bene Fiat (più 1%) e in tensione Fastweb (più 2,5%) ai rumors di una possibile uscita del fondatore Silvio Scaglia. Nuovo crollo di Alitalia, ma ancora in fase positiva Gemina e Impregilo.