Bancassurance, in 4 mesi un «tesoro» da 19 miliardi

La nuova produzione Vita vale il 70% del mercato Molto gettonate le offerte a forte Dna finanziario

Ennio Montagnani

Gli sportelli bancari e postali sono il principale canale di vendita di prodotti vita sul mercato italiano. Lo confermano, senza ombra di dubbio, i dati Ania (Associazione Nazionale tra le Imprese Assicuratrici), che da inizio anno a fine aprile 2017 mostravano un totale di 19,2 miliardi di euro di premi raccolti presso gli sportelli bancari e postali, pari al 69% del totale della nuova produzione vita dell'intero mercato (per complessivi 27,8 miliardi). Ad aprile, in particolare, gli sportelli bancari e postali hanno collocato un ammontare di nuovi premi pari a 4,1 miliardi con una prevalenza dei premi ramo I, le polizze vita tradizionali: da inizio anno la loro quota sul totale si è attestata al 72,7% (per un totale di 13,6 miliardi).

L'altra quota rilevante delle polizze di nuova produzione vita 2017 (26,4%) fa riferimento al comparto unit-linked, prevalentemente fondi di tipo «classico» (senza forme di protezione finanziaria o di garanzia di rendimento minimo): nel mese di aprile, per il quarto mese consecutivo, hanno registrato un incremento rispetto allo stesso mese dell'anno precedente mentre da gennaio i nuovi premi sono ammontati a 5,1 miliardi, il 22,6% in più rispetto a quanto intermediato nell'analogo periodo dell'anno precedente, a conferma di una ripresa della domanda dei clienti verso questi prodotti. I nuovi premi relativi a forme pensionistiche individuali, per la maggior parte «Pip» (Piani individuali di previdenza), hanno registrato nel mese di aprile un importo ancora in aumento rispetto allo stesso mese del 2016, raggiungendo nei primi quattro mesi dell'anno un ammontare pari a 227 milioni, in crescita del 28,8% rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente.

Il collocamento di polizze assicurative attraverso sportelli bancari e postali è esperienza consolidata in Italia ormai da anni. All'estero, in particolare in Francia, dove la bancassurance è nata, si è sviluppata trovando la sua definitiva affermazione come canale di distribuzione indipendente e capace di integrare al meglio le esperienze degli istituti di credito e le compagnie.

Un particolare punto di forza della proposta di bancassicurazione è rappresentato dalla flessibilità ed adattabilità dei modelli di collegamento informatico e di relazione, con la possibilità di adeguare l'offerta, sia in termini di prodotti che di specifiche soluzioni organizzative e procedurali, alle diverse necessità rappresentate dagli interlocutori bancari. Una combinazione, quella tra l'esperienza in campo assicurativo e quello bancario, che ha visto sviluppare nel tempo prodotti capaci di modellarsi sulle necessità del cliente.

A questo proposito, negli ultimi anni, si sono affermate in particolare le offerte in tre ambiti: polizze vita tradizionali, unit linked e polizze multi ramo. Le polizze vita tradizionali sono quelle collegate alle cosiddette gestioni separate vita. Si tratta di gestioni che impiegano i premi degli assicurati prevalentemente in Titoli di Stato e obbligazioni e che, a differenza dei fondi comuni e delle gestioni separate, distribuiscono in modo lineare il rendimento dei titoli in portafoglio nel corso degli anni fino alla loro scadenza. Questo rende le gestioni separate immuni dagli alti e bassi dei mercati: non a caso i rendimenti delle gestioni separate oscillano da anni tra il 3% e il 4% annuo. Inoltre i rendimenti sono certificati ogni anno da una società di revisione indipendente: una volta acquisto, il rendimento certificato è consolidato e il capitale del risparmiatore l'anno successivo può solo salire ma non scendere.

I fondi unit linked invece sono delle vere e proprie gestioni patrimoniali assicurative e consentono all'assicurato di beneficiare dell'asset allocation (azioni, obbligazioni, liquidità, materie prime) tipica dei portafogli più efficienti, sebbene senza alcuna garanzia del capitale investito.

Ci sono, infine, le polizze multiramo che, in unico contratto assicurativo, integrano le caratteristiche delle gestioni separate, con le possibilità e la flessibilità che solo fondi unit linked possono offrire. Si tratta di soluzioni complete e integrate che permettono di scegliere quanto stare più vicino ai prodotti tradizionali e quindi puntare sulla sicurezza, o allontanarsi alla ricerca di rendimenti migliori. Infatti, alla base delle polizze multiramo c'è una gestione separata il cui capitale investito presenta la garanzia sul capitale investito e la stabilità del rendimento nel tempo, perché investe in titoli di «alta qualità», facilmente liquidabili, poco esposti a forti e rapide oscillazioni di valore. Inoltre è prevista l'esenzione dall'imposta di bollo, quindi non subisce l'addebito, alla fine di ogni anno, dell'imposta che è pari allo 0,2% del capitale investito.