Banche in evidenza a Piazza Affari

Sale Fiat, Terna in discesa

Il dato sul Pil Usa e i forti rialzi di diversi titoli che hanno presentato i risultati semestrali, come Intesa Sanpaolo e Impregilo, hanno spinto Piazza Affari al rialzo. Il Mibtel è salito del 2,03% mentre lo S&P è cresciuto del 2,39%. Molto bene Immsi la società di Roberto Colannino, che ha approvato l’operazione nella compagnia di bandiera e i conti semestrali: ha iniziato a correre sin dalla mattinata per essere più volte sospesa per eccesso di rialzo. Alla fine il titolo è salito del 12,49% a 0,84 euro. Bene anche gli altri titoli coinvolti nella cordata quali Atlantia (+1,96%) e Fondiaria-Sai (+0,62% ) che l’altro ieri aveva ceduto terreno sui conti. Seduta positiva anche per Intesa Sanpaolo, spinta dalla semestrale ha chiuso in rialzo del 6,25% a 3,64 euro. Il positivo andamento del comparto bancario in Europa ha spinto anche Unicredit (+3,56%) e Mps (+3,83%) che diffonde domani i conti, all’esame del cda nella giornata odierna. In recupero anche Bpm (+3,73%). Crescita inoltre per Generali (+2,16%) In rialzo anche Impregilo società di costruzioni che ha anche confermato previsioni positive per fine anno, il titolo ha chiuso a più 2,24%. Bene inoltre Fiat (+2,09%) in scia al comparto europeo. Lieve crescita per Eni (+0,55%) mentre le prese di beneficio colpiscono Terna (-0,94%). Battuta d’arresto per Pirelli (-2,06%) mentre chiude sostanzialmente invariata Telecom (-0,09%). Bene anche le principali Borse europee con Londra che sale dell’1,32%, Parigi del 2,02% e Francoforte che registra un progresso dell’1,57%. Sugli scudi il Credit Agricole (+8,93%) dopo i risultati semestrali. Analogo rialzo per Dexia (+6,81%), Barclays (+5,83%) e Bnp Paribas (+5,12%).