Banche, Mps compra Antonveneta

Nasce il terzo polo bancario in Italia: operazione da 9 miliardi di euro. Mps acquista dal Banco Santander l'istituto di credito veneto, famoso per essere passtao nelle mani di Fiorani nell'estate dei "furbetti del quartierino"

Milano - Banca Monte dei Paschi di Siena ha raggiunto un accordo con Banco Santander per l’acquisto di Banca Antonveneta per 9 miliardi di euro. Lo annuncia la società in una nota precisando che Interbanca, controllata di Banca Antonveneta che opera come banca corporate e delle imprese, non è oggetto della vendita da parte del Santander. Banca Antonveneta, ricorda Mps, è uno degli asset di Abn Amro attribuiti al Banco Santander al termine dell’offerta pubblica di acquisto sull’istituto olandese realizzata dal Santander in consorzio con Royal Bank of Scotland e Fortis. L’istituto padovano, al centro della celebre battaglia con la Popolare di Lodi di Giampiero Fiorani nell’estate dei "furbetti del quartierino" del 2005, era stata poi conquistata dall’Abn Amro nel settembre di quell’anno e quindi ritirata da Piazza Affari al completamento dell’offerta di acquisto obbligatoria conclusa da Abn nel marzo 2006.

Il terzo polo bancario in Italia L’acquisizione di Antonveneta permetterà a Mps di consolidare il ruolo di terzo polo bancario in Italia. È quanto si legge in una nota, secondo cui la rete degli sportelli passerà da 2.000 a 3.000 unità mentre la quota di mercato salirà dal 6 al 9% con un rafforzamento significativo nelle regioni del Nord. Le sinergie lordi stimate partono da un minimo di 360 milioni di euro (di cui 220 da risparmi di costi).